mod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_counter
mod_vvisit_counterOggi8
mod_vvisit_counterIeri8
mod_vvisit_counterQuesta Settimana81
mod_vvisit_counterSett Scorsa81
mod_vvisit_counterQuesto Mese370
mod_vvisit_counterMese Scorso759
mod_vvisit_counterTutti i giorni206632

We have: 1 guests online
Il tuo IP:: 54.225.26.44
 , 
Oggi: Lug 26, 2017

Fantasia e tecnologia utile quando s’incontrano fanno progredire l’uomo.

Anche nell’alimentazione.

 

Il pane si può fare in tanti modi , ma non tutti risultano ugualmente benefici per la salute.
Le crescenti intolleranze , gli additivi, i lieviti, i conservanti etc.. creano a molte persone problemi di salute.
Viene da pensare alla celebre frase di Henry Ford che diceva a proposito delle macchine “Meno pezzi ci sono meno se ne romperanno”. Applicata al pane si può dire “Meno sostanze superflue ci mettiamo meno problemi procuriamo alle persone”.
Il pane fatto con il metodo Menichella è solo acqua e farina senza lieviti.
Una farina che è frutto di alta tecnologia che utilizza solo la parte interna del chicco senza la buccia. Ne risulta una farina ricca di fibre e con il 30% in meno di carboidrati ed è quindi più indicata per chi soffre di patologie intestinali come diverticoli, stipsi, colon irritabile oltre che per chi è intollerante ai lieviti e per i diabetici.

 

Ultimo aggiornamento (Venerdì 11 Settembre 2015 18:20)

 

Ultimo aggiornamento (Venerdì 02 Dicembre 2011 14:56)

 

Ultimo aggiornamento (Sabato 12 Marzo 2011 11:48)

 

Ultimo aggiornamento (Sabato 12 Marzo 2011 11:47)